Mille modi per gustare il Prosciutto di Parma

Mille modi per gustare il Prosciutto di Parma

Come prepararlo

Per la presentazione più invitante, il Prosciutto di Parma va preparato in modo giusto. Tolta la cotenna, va sgrassato secondo gusto ed esigenza. Non va però eliminato tutto il grasso prima di tagliarlo. Aiuta a conservare il sapore inconfondibile del Parma: e per chi preferisce poco grasso, consigliamo di lasciarne almeno la metà.

Le prime fette devono essere prese dal lato fino a quando si raggiunge l’osso. E disossarlo sarà un importante procedimento, con un rituale che richiede cura e attenzione.

Il Prosciutto di Parma va sempre tagliato con l’affettatrice. E ogni fetta deve essere sottile al punto giusto, con lo spessore di un foglio di carta. Solo così si valorizzano dolcezza e unicità di gusto.

Chiedete che venga affettato al momento davanti a voi: se affettato ore prima e non conservato in modo appropriato (i.e. sottovuoto) può perdere parte del suo gusto o addirittura deteriorarsi.

... e come conservarlo

Disossato e confezionato, il Prosciutto di Parma può essere conservato fino a 6 mesi in locale opportunamente refrigerato tra i 4 e 8°C.

Attenzione

Solo il Prosciutto di Parma con l’osso può essere appeso. In questo caso, la conservazione prevede altri tempi: fino a 12 mesi, in ambiente con temperatura tra 17 e 20°, una volta iniziato, si potrà conservare in frigorifero per un mese, con l’accortezza di ricoprire la parte tagliata con una pellicola trasparente.

Consorzio del Prosciutto di Parma
 
Largo Calamandrei, 1/A - 43100 Parma (PR) - Tel: 0521.246211 - Fax: 0521.243983
© 2020 C.C.I.A.A. DI PARMA NUM. ISCRIZ. REG. IMPRESE, P.IVA e C.F. 00252820345. Tutti i diritti riservati.