News & stampaProsciutto di Parma in mostra a Cibus

News & stampaProsciutto di Parma in mostra a Cibus

30/08/2021

Il Consorzio del Prosciutto di Parma parteciperà a Cibus, il Salone Internazionale dell’Alimentazione, che torna a celebrare in presenza il settore alimentare, a Parma dal 31 agosto al 3 settembre.

L’area espositiva del Consorzio del Prosciutto di Parma, ubicata nel Padiglione 2 – posizione I 26, favorirà l’incontro tra le aziende consorziate e i loro clienti, ma sarà anche un luogo di bontà dove degustare il Prosciutto di Parma.

 

Cibus, da sempre vetrina importante, lo è ancora di più oggi poiché rappresenta simbolicamente una ripartenza per tutti i prodotti italiani di qualità come il Prosciutto di Parma – ha dichiarato Alessandro Utini, presidente del Consorzio del Prosciutto di Parma.

 È un’occasione per tornare a promuovere soprattutto sui mercati internazionali il saper fare italiano delle aziende del nostro comparto che ora guardano con maggiore fiducia al futuro grazie ai primi segnali di ripresa, in parte legati anche alla riapertura dei ristoranti e al turismo.

 

La pandemia ha determinato un significativo calo delle vendite del Prosciutto di Parma e come conseguenza una riduzione della produzione, ma al contempo ha accelerato alcuni trend che caratterizzeranno il mercato del prossimo futuro su cui oggi è necessario puntare per continuare a essere competitivi e avere delle opportunità di sviluppo.

Nello specifico per il Prosciutto di Parma, il segmento del preconfezionato ha registrato un aumento del 21%, un fenomeno che, pur non riuscendo compensare il calo generale, è da valutare con attenzione continuando a investire, in particolare all’estero; più in generale invece si è assistito a un cambiamento nelle scelte di acquisto e di consumo che pongono una forte attenzione alla sostenibilità e alle modalità di produzione dei prodotti.

 

La sostenibilità sarà il principio guida delle politiche europee dei prossimi anni e porrà nuove sfide anche al settore agroalimentare. Come comparto, ci impegneremo per essere pronti a coglierle nel mondo giusto, senza perdere mai di vista la qualità del Prosciutto di Parma e le caratteristiche che lo distinguono dagli altri prodotti, ha dichiarato Alessandro Utini.

Per questo resta prioritario portare a termine l’iter di modifica del Disciplinare produttivo. Tali modifiche sono davvero importanti per il benessere dell’intera filiera poiché hanno l’obiettivo di migliorare il livello qualitativo caratterizzando maggiormente l’identità del nostro prodotto.

 

Cibus farà inoltre da palcoscenico al lancio della XXIV edizione del Festival del Prosciutto di Parma che si terrà dal 10 al 12 settembre.

Si parte venerdì 10 settembre con la serata inaugurale a Langhirano: un vero e proprio show in grado di offrire in ogni suo momento contenuti interessanti e coinvolgenti con un parterre di ospiti per tutti i gusti, tra cui: gli chef e food influencer Andrea Mainardi, Federico Fusca e Simone Finetti; il digital artist Diego Cusano; Marco di Costanzo, campione di canottaggio, e la nota nutrizionista Emma Balsimelli.

La conduzione è curata come sempre da Francesca Romana Barberini, madrina del Festival di lungo corso e ottima conoscitrice del Prosciutto di Parma, che introdurrà i saluti di benvenuto da parte degli organizzatori e delle autorità.

Sabato 11 e domenica 12 torna Finestre Aperte: l’iniziativa che permette di assistere al ciclo di lavorazione e degustare il Prosciutto di Parma; un’occasione unica per conoscere le tradizioni di un prodotto che affonda le proprie radici in un passato lontano.

A fare da guida a turisti e food lover saranno eccezionalmente gli stessi produttori che racconteranno e mostreranno come le cosce di suino, grazie a una particolarissima combinazione di clima, tradizione e sapere fare, diventano Prosciutto di Parma DOP.

Consorzio del Prosciutto di Parma
 
Largo Calamandrei, 1/A - 43100 Parma (PR) - Tel: 0521.246211 - Fax: 0521.243983
© 2021 C.C.I.A.A. DI PARMA NUM. ISCRIZ. REG. IMPRESE, P.IVA e C.F. 00252820345. Tutti i diritti riservati.